Persiane e scuri

PERSIANA OSCURANTE IN ALLUMINIO

Tutta un'altra luce. Da sempre elegante e protagonista la persiana valorizza ogni tipo di facciata, da quella classica a quella più moderna. versatile nella forma e nello stile, oltre a costituire un'efficace barriera contro l'aggressione degli agenti atmosferici, consente di regolare a piacere l'intensità solare. Ampie forme e colori consente di soddisfare ogni scelta progettuale, coniugando esigenze estetiche e prestazionali.

PERSIANA BLINDATA ORIENTABILE

Nuovo sistema orientabile BREVETTATO
Il sistema SECURITY 60, con i suoi cinque brevetti, ha rivoluzionato il concetto di infisso in acciaio.
La forza e la resistenza di questo materiale sono sempre state sinonimo di incredibile sicurezza, ma anche di scarsa funzionalità.

Quest'oggi l'azienda Infissi Buccella è lieta di offrirvi il primo sistema-persiana in acciaio con lamelle orientabili oscuranti, certificato in classe 3 antieffrazione, presente sul mercato italiano.

DUO BLIND ORIENTABILE

Proteggete chi vi è caro. Realizzata con profili zincati TSL 50x60x1.5 complanari, grata interna realizzabile con pannelli a taglio laser oppure con disegno da voi scelto. Persiana esterna realizzata con profili zincati TSL 50x60x1.5 complanari con sistema all’interno del profilo che permette la funzionalità della regolazione delle lamelle orientabili.

PERSIANA AVVOLGIBILE

Avvolgibile di nuova tecnologia, che nasce dall’estrusione di profili inpvcrigido ed alluminio. La caratteristica fondamentale di questo nuovo prodotto sta nell’esclusiva sagomatura dei due profili inalluminioe inpvc. Il suo disegno, infatti, produce due camere d’aria all’interno della schiumatura inpoliuretanoe un particolare sistema di aggancio tra l’elemento inpvce quello inalluminio. Tale struttura, quindi, crea un “taglio termico” capace di abbattere la trasmittanza termica tra l’ambiente esterno e quello interno.

detrazione

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
E DETRAZIONI FISCALI

Sulle spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2017, per gli interventi di riqualificazione energetica di edifici già esistenti spetta una detrazione del 65%. Va ricordato che le spese sostenute prima del 6 giugno 2013 fruivano della detrazione del 55%. Dal 1° gennaio 2016 il beneficio sarà del 36%, cioè quello ordinariamente previsto per i lavori di ristrutturazione edilizia.

Attenzione: la detrazione del 65% si applica anche alle spese documentate e rimaste a carico del contribuente: a) per interventi relativi a parti comuni degli edifici condominiali o che interessino tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio, sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2017; b) per l’acquisto e la posa in opera delle schermature solari di cui all’allegato M al Dlgs 311/2006, sostenute dal 1° gennaio 2015 al 31 dicembre 2015, fino a un valore massimo della detrazione di 60.000 euro; c) per l’acquisto e la posa in opera di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili, sostenute dal 1° gennaio 2015 al 31 dicembre 2017, fino a un valore massimo della detrazione di 30.000 euro.

La detrazione spetta per le spese sostenute, e rimaste a carico del contribuente (per es. non incentivati dal Comune) per:

  • interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti, che ottengono un valore limite di fabbisogno di energia primaria annuo per la climatizzazione invernale inferiore di almeno il 20% rispetto ai valori riportati in un’apposita tabella (i parametri cui far riferimento sono quelli definiti con decreto del ministro dello Sviluppo economico dell’11 marzo 2008, così come modificato dal decreto 26 gennaio 2010). Il valore massimo della detrazione è pari a 100.000 euro
  • interventi su edifici esistenti, parti di edifici esistenti o unità immobiliari, riguardanti strutture opache verticali, strutture opache orizzontali (coperture e pavimenti), finestre comprensive di infissi, fino a un valore massimo della detrazione di 60.000 euro. La condizione per fruire dell’agevolazione è che siano rispettati i requisiti di trasmittanza termica U, espressa in W/m2K, in un’apposita tabella (i valori di trasmittanza, validi dal 2008, sono stati definiti con il decreto del ministro dello Sviluppo economico dell’11 marzo 2008, così come modificato dal decreto 26 gennaio 2010). In questo gruppo rientra anche la sostituzione dei portoni d’ingresso, a condizione che si tratti di serramenti che delimitano l’involucro riscaldato dell’edificio verso l’esterno o verso locali non riscaldati e risultino rispettati gli indici di trasmittanza termica richiesti per la sostituzione delle finestre
  • l’installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda per usi domestici o industriali e per la copertura del fabbisogno di acqua calda in piscine, strutture sportive, case di ricovero e cura, istituti scolastici e università. Il valore massimo della detrazione è di 60.000 euro
  • interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione e contestuale messa a punto del sistema di distribuzione. La detrazione spetta fino a un valore massimo di 30.000 euro
  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con pompe di calore ad alta efficienza e con impianti geotermici a bassa entalpia, con un limite massimo della detrazione pari a 30.000 euro
  • interventi di sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore dedicati alla produzione di acqua calda sanitaria, con un limite massimo della detrazione pari a 30.000 euro.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Approvo